Un giorno qualunque, di Antonio Presutti

Guarda il profilo

Ascolta il rumore dell’acqua che cade sui tetti mentre apri gli occhi al risveglio,

a volte è più forte, poi quasi scompare e intanto, lontano la terra rinasce

e un’aria più fresca si leva, pian piano.

E’ un giorno qualunque, così come tanti ma…hai fretta di andare;

indugia un po’ ancora!

Lontano, un vento impetuoso si leva a curvare le cime,

quasi a farle spezzare

ma un uscio che sbatte, ti dice che è proprio ora di andare,

indugia un po’ ancora!

Non senti che il suono del vento

non è che il lamento

di un uomo che muore

e quel sordo rumore

gli insulti subiti cui nulla ha potuto?

Quel sibilo intenso, le grida di un bimbo che ha bisogno d’amore,

travaglio crudele per esser migliore?

Ma hai tanto da fare...

è ora di andare