Nino Fichera

Cliccate sulle immagini per ingrandirle

Il girasole e il sole

Il girasole e il sole

Ragazza col libro

Ragazza col libro

vele

Vele

Gladioli

Gladioli

Dati biografici di Nino Fichera

Sono nato a Milano, tanti, tanti anni fa, addirittura 75. Ho iniziato a dipingere all'età di 7 od 8 anni quando cioè mio padre, credendo che dietro a quelle cose che tracciavo sulla carta (ma anche sui muri) ci fosse un qualcosa, mi ha affiancato ad un pittore suo amico. Francamente, andando nel suo studio, ero convinto che avrei imparato, unicamente, a lavare pennelli e pulire tavolozze. Probabilmente non era così. Ho imparato. Ho imparato a dare importanza ai colori ed alle vibrazioni interne che percepivo osservando una scena. Ho imparato che l'importanza di un dipinto è che la gente, attraverso il mio lavoro non debba percepire soltanto una forma, magari anche ben disegnata e a posto nei suoi rapporti di pesi e luci, ma percepire, attraverso il mio lavoro, sensazioni, quelle stesse sensazioni, cioè, che mi hanno colpito in un quel certo momento. Quelle sensazioni che, prima, mi hanno ispirato e poi suggerito di avvicinarmi alla tela o al foglio bianco.

Con una veduta generale, i miei lavori si basano sempre su una riconoscibilità formale precisa, un punto di riferimento, una fiore sarà pur sempre un fiore, un nudo femminile, sarà sempre un nudo femminile. Una riconoscibilità formale che, grazie ai suoi colori vibranti e il suo dinamismo complessivo del disegno, si scompone e ricompone dentro di chi la sta osservando

creando sensazioni emotive che vadano oltre l'immagine, così come nel mondo, la vita di tutti, si scompone e ricompone ogni attimo a seconda delle nostra specifica emotività di quel momento.