Consigli per scrittori emergenti

Guarda lista di alcuni editori

Indice

Come diventare bravi scrittori

La crisi del racconto breve

Come promuovere il proprio libro

Diritti d'autore

Chi è uno scrittore

Scrivere racconti


Sono decisamente molti i nostri connazionali con l’hobby della scrittura, sia imbrattando fogli e fogli di inchiostro, sia pestando repentinamente dei freddi e impersonali tasti di un computer. Orde di volenterosi ma sfigati scrittori che vagano da una casa editrice all'altra, sbattuti tra agenzie letterarie e concorsi con premi di ogni genere; che fanno le ore piccole improvvisandosi instancabili ma alquanto inadeguati correttori di bozze, sempre con un unico chiodo fisso nelle testa: la pubblicazione.

Tuttavia, è risaputa la ricorrente e classica battuta che “ci sono più scrittori che lettori” quindi, la realizzazione di questa aspirazione, è lontana anni luce dall’esser semplice.

In questO libro, darò alcuni semplici ma indispensabili consigli per chiunque abbia un libro da pubblicare, consigli che darò in base alla mia esperienza e alle mie conoscenze nel settore.

Ognuno dovrà poi per così dire “personalizzare” questi consigli in funzione delle sue aspettative, capacità e condizione sociale, lavorativa ecc. Non si possono mai stilare decaloghi generici che possano andar bene per tutti, sarebbe utopistico.

Cos’è più indicato per me?

Forse apparirà scontato, ma alle volte è talmente grande la brama di vedere il proprio nome sulla copertina di un libro, di poter andare dai propri amici e sventolare loro il libro in faccia, che l’autore non si preoccupa di ciò che è più indicato scrivere per le sue capacità, ma la sua unica preoccupazione è quella di scrivere, senza tener conto per l’appunto delle proprie attitudini (e dei suoi relativi limiti, che abbiamo tutti) Invece, io sostengo che bisognerebbe mettere nero su bianco solo ciò che si conosce per intero o quasi, non di quello che piace. Ai giorni nostri il pubblico di lettori è sempre più attento ai dettagli tecnici, ai particolari, quindi non ha senso scrivere di fantascienza (anche se è un tipo di lettura che vi piace: ma un conto è appassionarsi a questo genere da lettori, un discorso completamente differente va fatto se ci si vuole avvicinare da scrittori, sono due condizioni ben distinte tra loro) se non avete un minimo di conoscenze scientifiche di base (a meno che non troviate qualcuno competente disposto a darvi una mano). Questo è il primo consiglio “d’oro” che mi sento di dare, il punto di partenza per ogni altro suggerimento o considerazione. Guardate bene dentro di voi, e scoprirete il vostro vero talento, ognuno di noi ne ha uno, ma magari non lo sa.