Menù principale

Racconti

Poesie

Pittori

Sculture

Musicisti e cantanti

Foto e fotografi

Fumetti

Dio e la fede

 

Consigli per scrittori

Consigli per gli aspiranti scrittori

Grammatica italiana

Agenzie letterarie

Case editrici per autori esordienti

 

 

A' morte, di Anna Amitrano

Guarda il profilo

 

 

A’ morte…

Nù juorn dicett à morte a Dio:

Patatè,mò spieg pecchè è criate a mmè?

Tu che è fatt ò munn, è stelle, ò ciel, ò mare…..

Tuttè ccose chhiù bell!......

L’omm, a femmen e criaturelle,ò sole , e sciure e l’animale……

Mè fatt a mmè brutta commà nu rebbet…..

amara chhiù rò fele,dolorosa chhiù è nà malatia……….

E pè cunseguenz a gente nù cert po’ pruvà pe mmè simpatia……

Mi odia,mi bestemmia giornalmente,e si me ver, se ne fuia comm ò vient……

Sò semp sola……

si me piglio a quacchedun……

chill po’ spavent nun mè guarda….

avota a faccia allà e nun me dà a parlà……

Pè nù parlà de vive cà rimangono..

chiagnene comm’à chhè!

me maledicen…… e a me se strazia ò core a de vedè……

me piglio è mamme,e marit e… pure e figli!…….

Senza guardà nfaccia a nisciun……..

senza n’avvertiment…….

cù l’ingann arrivo ‘int’è mument chhiù bell da vita….

pechhè mò dice tu!pigliati a chist’ e a chill!

E non stà bene….

cà io port int’è famiglie stì scumpigli!…….

A vita, invece, è accusìì bella!

Tutti la vogliono!

Tutti la desiderano………

e fanne e tutto pe sa stà accort e pà  fa addeventà sempe chhiù bella!

E nunn’è o vero! Dice o Padreterno…….

Tu vide a te comme nà maledizione!

ma o chhiù de vote tu sì nà liberazione……

Pè chill corpi straziati dal dolore e dalle malattie.

Criature cà po’ vvelen e ll’aria nascene già struppiat…..

vicchiariell cà de figli vengono abbandunat!…

Pienz si nun ce stisse tu……..

A ggente se mangiasse vive vive:

po’ sopraffollamento,pè l’ingordizia,e pà voglia e cummannà!

Quanta sofferenze int’à stù munn cà a creat l’ommo:

E guerre……a famme…l’odio……a nfamità….a gelusia…….

 null’aggia certamente create io!…….

A gente corre comm’ò vient,va sempre e press,le passano int’è mman tanti mument bell

e nun è sape afferrà!.

Chill cà cummann oggi ncopp’à terra,è il dio denaro,il vizio,ò potere e ò divertimento….

Tu sierve a tutta chella gente cà dint’à vita nun se né vist bene e niente

Ca a fatt è tutt pe s’arruvinà ,cà droga,cà viulenza, e cà malvagità…….

.A morte nunnè altro che trasmigrazione,nù modo pè arrivà int’è bbraccie mie

E finalmente putè vedè a luce e Dio!

A morte scapuzziaie,dicett mò capisco pecchè servo pure io!

                                                                                                     Anna Amitrano

 

                 Traduzione:

La morte…….

 

La morte disse un giorno a Dio:

Padreterno,mi spieghi perché mi hai creato?

Tu che hai fatto il mondo,le stelle,il cielo e il mare…

Tutte le cose più belle….

L’uomo,la donna,i bambini,il sole,i fiori e gli animali

Hai fatto me,più brutta di un debito,amara più del fiele,dolorosa più di una malattia….

Di conseguenza la gente,non può provare per me certo simpatia!

Mi odia,mi bestemmia giornalmente,e se mi vede,scappa come il vento.

Sono sempre sola…

Se mi prendo qualcuno,quello dallo spavento non mi guarda,gira la faccia dall’altra parte e non mi parla….

Per non parlare poi di quelli che rimangono…..

Piangono tanto,mi maledicono….

E a me si strazia il cuore a guardarli.

Mi prendo,mamme,mariti,figli!

Senza guardare in faccia nessuno.

Senza un avvertimento..

Con l’inganno arrivo,nei momenti più belli della vita,perché me lo dici tu,prenditi questo e quello!

E non stà bene che io porta nelle famiglie questi scompigli!

La vita invece è così bella!

Tutti la vogliono!

Tutti la desiderano………

E fanno di tutto,per stare attenti a farla diventare sempre più bella!

E non è vero!dice il Padreterno…

Tu ti vedi come una maledizione,ma il più delle volte sei una liberazione.

Per quei corpi straziati dal dolore e dalle malattie.

Creature che per l’aria avvelenata,nascono già storpiati e vecchietti che dai figli vengono abbandonati!

Pensa se non ci fossi tu…….

La gente si mangerebbe viva viva:

per il sovraffollamento,per l’ingordizia,e per la voglia di comandare.

Quanta sofferenza che ha creato l’uomo in questo mondo:

le guerre,la fame,l’odio,l’infamità,la gelosia…..non le ho create sicuramente io!

La gente corre come il vento,va sempre di fretta,le passano nelle mani dei momenti belli e non li sa afferrare!

Quello che comanda oggi sulla terra è il dio denaro,il vizio,il potere e il divertimento….

Tu servi a tutta quella gente,che della vita non si è goduta niente.

Che ha fatto di tutto per rovinarsela,con la droga,con la vilenza e con la malvagità.

La morte non è altro che una trasmigrazione,un modo per arrivare nelle braccia mie e poter finalmente vedere la luce di Dio!

La morte acconsentì e disse: ora capisco perché servo pure io!

 

 

Commenti

 

Gaetano - Giovedi, 13 Marzo, 2008 alle ore 17:21:29

commento: Veramente molto bella. Il tema della morte è un tema che nessuno vuole affrontare. Ma io personalmente credo che la vita terrena in eterno sarebbe più atroce della morte stessa.Anna Amitrano, ancora complimenti,anche per la scelta della lingua partenopea.