Menù principale

Racconti

Poesie

Pittori

Sculture

Musicisti e cantanti

Foto e fotografi

Fumetti

Dio e la fede

 

Consigli per scrittori

Consigli per gli aspiranti scrittori

Grammatica italiana

Agenzie letterarie

Case editrici per autori esordienti

 

 

L’analisi logica della lingua italiana

A cura di Cinzia D'Antonio



L’analisi logica: scompone la frase semplice o proposizione e i periodi nei suoi elementi costitutivi o categorie sintattiche, sia quelli essenziali - soggetto e predicato - sia quelli accessori - complementi, attributi, apposizioni - e individua la loro funzione sintattica per stabilire i rapporti che sussistono tra loro. Infatti, la sintassi è la disciplina che studia i modi e le regole secondo cui le parole si combinano tra loro a formare delle unità più grandi, i sintagmi (l’unione di due o più elementi linguistici tenuti insieme da relazioni di interdipendenza a formare un’unità linguistica di valore sintattico compiuto e di significato), che daranno luogo a frasi e periodi.

Che cos’è un’unità sintattica o sintagma lo possiamo ricavare da alcuni esempi: nella frase semplice:

Mario | saluta | Paola, il soggetto, il verbo e il complemento, le unità sintattiche o sintagma, sono costituiti da una sola parola; mentre nella frase:

la mia bicicletta rossa | mi ha portato | a Roma, in questo caso, a formare un’unita sintattica o sintagma, sono ciascuna di questi insiemi di parole. È importante precisare che nell’analisi logica le parole non ci interessano per la forma che hanno, come avviene nell’analisi morfologica, ma nel ruolo che svolgono nella frase, in quanto soggetti, predicati, complementi, ecc. Pertanto nello scomporre una frase non la suddivideremo in singole parole (articoli, nomi, aggettivi, verbi, ecc.) come appunto si faceva per l’analisi grammaticale, ma in sintagmi, unità sintattiche di elementi che svolgono una funzione determinata. Quindi gli articoli, le preposizioni semplici o articolate e le locuzioni prepositive formano un tutt’uno con il nome cui si riferiscono; gli ausiliari dei tempi composti e delle forme passive fanno un tutt’uno con il verbo. La negazione, le locuzioni avverbiali e le congiunzioni si analizzano sintatticamente insieme agli elementi cui si riferiscono.

Premesso ciò, risulta molto semplice compiere l’analisi logica di una frase. Nel caso in cui la frase da analizzare non ha uno sviluppo lineare, si può utilizzare un metodo logico, che consiste nel sistemare i vari elementi secondo una costruzione diretta, di modo da mettere subito in evidenza gli elementi di base che strutturano la frase nel seguente ordine: il soggetto, il predicato (con gli elementi che li compongono, se ci sono) e poi gli eventuali accessori, cioè i complementi.