Vieni a trovarci nel forum di Galassia Arte - Forum per scrittori e artisti emergenti  
     
 

 

Menù principale

Racconti

Pittori

Sculture

Musicisti e cantanti

Poesie

Foto e fotografi

Fumetti

Dio e la fede

 

Consigli per scrittori

Consigli per gli aspiranti scrittori

Scrivere una poesia

Grammatica italiana

Come lavorare in una casa editrice

Agenzie letterarie

Case editrici

 

 

Aforismi sulla vita

 

Aforismi dello scrittore Andrea Mucciolo

Avvertenza:

Potete liberamente utilizzare i seguenti aforismi nelle vostre pubblicazioni cartacee o sui vostri blog, con il solo obbligo di citare l’autore alla fine di ogni aforisma.


L'autore su Facebook

Preferisco essere abbastanza matto per compiere delle pazzie, piuttosto che abbastanza stupido per credere a delle sciocchezze. (Andrea Mucciolo)





La politica italiana è un circo, senza neanche domatori, solo pagliacci. (Andrea Mucciolo)

Non dobbiamo avere paura degli altri, poiché spesso gli altri hanno molta più paura di noi. Il successo non è vincere sempre, il successo è vincere le proprie paure, avendo il coraggio di tentare sempre. Non bisogna dimostrare nulla agli altri, ma solo a se stessi. (Andrea Mucciolo)

Non importa quanto tu possa essere meglio degli altri, ci sarà sempre qualcuno meglio di te. Se invece riuscirai ad essere meglio di te stesso, nessuno potrà rubarti il primo posto. (Andrea Mucciolo)

Adoro quando le persone pensano male di me, almeno non corro il rischio di rimanere deluso in caso dovessero cambiare idea. (Andrea Mucciolo)

Mi rendo perfettamente conto di essere diventato un personaggio pubblico, ma non è detto che ciò costituisca un fatto positivo, infatti, spesso, anche il gabinetto è pubblico. (Andrea Mucciolo)

Conosco molti uomini che si vergognerebbero a piangere davanti agli altri, ma finora non ne ho incontrato neanche uno che provi vergogna a dire sciocchezze in pubblico. (Andrea Mucciolo)

Ci sono più uomini giudicati per il colore delle loro cravatte che per il valore delle loro azioni. (Andrea Mucciolo)

Vorrei andare a vivere in un paese dove i cetrioli finiscono solo nei piatti per essere mangiati e non nei culi degli ortolani. (Andrea Mucciolo)

Il successo dà alla testa perché spesso il sedere è stato già utilizzato prima di raggiungere la fama. (Andrea Mucciolo)

Forse sarà anche vero che in amore vince chi fugge. Tuttavia, colui che scappa, farebbe meglio a sincerarsi che chi lo dovrebbe inseguire abbia tutte e due le gambe. (Andrea Mucciolo)

Ho sempre timore a fidarmi delle persone, perché so bene che potrebbero comportarsi alla stessa mia maniera. (Andrea Mucciolo)

Gli elogi annoiano. Le critiche suscitano interesse. Le polemiche vendono. (Andrea Mucciolo)

Non mi piacciono le frasi fatte: sono già abbastanza fatto io quando scrivo frasi fatte. (Andrea Mucciolo)

La mia musa è una gran baldracca. (Andrea Mucciolo)

Molte amicizie sono a senso unico. Nessun cartello ti avvisa. Tu imbocchi dalla parte sbagliata e alla fine vai a sbattere. (Andrea Mucciolo)

Gli amici che ti chiamano solo quando stai male, sono come i politici che fanno riparare le buche soltanto dopo che qualcuno c’è morto. (Andrea Mucciolo)

Le opportunità della vita sono come gelato al sole d’estate: se non ti affretti a leccarle, ti si scioglieranno addosso, lasciandoti impantanato in un aspro rimorso. (Andrea Mucciolo)

Era una persona molto matura per la sua età, più di tutti i suoi coetanei, infatti cadde dall’albero prima degli altri, sfracellandosi al suolo. (Andrea Mucciolo)

I bivi non ci abituano alle scelte, ma soltanto ai rammarichi. (Andrea Mucciolo)

Le cose che di sicuro hanno il prezzo più alto da pagare, sono le proprie scelte. (Andrea Mucciolo)

Il giorno del proprio compleanno è, per l’essere umano, il più stressante di tutto l’anno: bisogna fare uno sforzo enorme, per sorridere e fingere interesse verso regali che molto spesso fanno pietà. (Andrea Mucciolo)

Avere un partner è come possedere un’auto di proprietà. Avere un amante equivale a prendere un taxi. Essere lasciati da ambedue, significa attaccarsi al tram. (Andrea Mucciolo)

La mia vita è un minestrone, ma sempre bollente, mai riscaldato. (Andrea Mucciolo)

Hai voluto la luna e io sono andato fin su nel cielo e l’ho presa al lasso per te. Hai voluto conoscere ogni segreto di me e io ti ho donato le chiavi della mia anima. Mi hai chiesto il mio amore incondizionato e io ho riposto il mio cuore tra le tue delicate mani. Poi hai voluto quell’anello d’oro esposto in una vetrina del centro e io col cavolo che ti ho dato la mia carta di credito! (Andrea Mucciolo)

Ai giorni nostri, in questo paese, con l’attuale saturazione di libri che stiamo osservando, con il prepotente disinteresse verso libri che non siano di grandi autori famosi, pubblicare un libro e tentare di farsi conoscere come scrittori è, a detta di molti, un’idea da manicomio. Ma per mia fortuna, sono abbastanza matto per portare avanti questa idea. (Andrea Mucciolo)

La parola gratis non esiste, eccetto che nella fantasia dell’essere umano. Sono proprio le cose che sembrano gratis quelle che avranno il prezzo più alto da pagare. (Andrea Mucciolo)

La verità è un’arma molto pericolosa, ecco perché oggi se ne concede il porto d’armi a pochissime persone. (Andrea Mucciolo)

L’odio è un boomerang. L’amore è un aquilone. Ambedue sono fantasmi capaci di perseguitarci per una vita intera. (Andrea Mucciolo)

Non mi sforzo per diventare meglio di come sembrano gli altri, ma solo per non diventare peggio di come sono realmente. (Andrea Mucciolo)

Non scrivo per passare alla storia, ma per scrivere la mia di storia. (Andrea Mucciolo)

Imparo sempre molto dagli altri, soprattutto dalle persone che detesto. (Andrea Mucciolo)

Non scrivo per me stesso, ma solo per essere un po’ più me stesso. (Andrea Mucciolo)

È meglio che io guardi sempre avanti, al futuro, senza mai voltarmi indietro. Anche perché, se mi voltassi a guardare indietro, rischierei di andare a sbattere. (Andrea Mucciolo)

Non mi preoccupo tanto di quello che gli altri pensano di me, ma di quello che io penso degli altri. (Andrea Mucciolo)

Per cercare l’oro, vai da solo, affinché nessun altro possa rubarti ciò che troverai. Quando vai alla ricerca della felicità, vacci in compagnia, perché se troverai la felicità e non avrai nessuno con la quale condividerla, marcirà come un frutto maturo che non viene mangiato. Lasciato solo, su di una squallida credenza. (Andrea Mucciolo)

I cani rimangono cani, non bisogna metterli sullo stesso piano delle persone. E le teste di cazzo rimangono teste di cazzo, non bisogna metterle sullo stesso piano dei cani. (Andrea Mucciolo)

L’arte del perdono è la più difficile che io conosca. Ma è anche l’unica capace di far rinascere una persona. (Andrea Mucciolo)

Sarà anche vero che “In amore vince chi fugge”, però è altrettanto vero che solo uno dei due deve fuggire, se l’altro non insegue o, peggio ancora, fugge anche lui, allora si potrà aspettare uno squillo di cellulare o l’arrivo di un sms per tutta la vita. (Andrea Mucciolo)

Le donne posseggono la calamita più potente che io conosca, in grado di suddividere gli uomini in due categorie: coloro che ragionano col cervello e quelli che invece ragionano con ciò che hanno in mezzo alle gambe. (Andrea Mucciolo)

Il finto amico ti inviterà a fare un viaggio assieme a lui, dividendo le spese della benzina. Il vero amico, ti aiuterà invece a spingere la macchina, anche in salita, quando la benzina sarà finita. (Andrea Mucciolo)

Se la vita fosse semplice e senza problemi, non esisterebbero gli scrittori. (Andrea Mucciolo)

Quando qualcuno dice qualcosa alle tue spalle, non avertene a male: pensa, invece, a quanto sei stato fortunato, a non dover vedere la sua faccia di cazzo mentre la diceva! (Andrea Mucciolo)

La smentita è la bugia di un codardo. (Andrea Mucciolo)

Oggi non ci sono soltanto i contratti di lavoro a termine, anche molte amicizie sono divenute tali. (Andrea Mucciolo)

Vi prego, non chiedetemi se dico sempre la verità: non ho voglia di mentire. (Andrea Mucciolo)

I piccoli sbagli ci umiliano. I grandi errori fanno storia. (Andrea Mucciolo)

La mia libertà non esiste: esiste solo il mio abbattere le barriere, oggi e domani. (Andrea Mucciolo)