Menù principale

Racconti

Poesie

Pittori

Sculture

Musicisti e cantanti

Foto e fotografi

Fumetti

Dio e la fede

 

Consigli per scrittori

Consigli per gli aspiranti scrittori

Grammatica italiana

Agenzie letterarie

Case editrici per autori esordienti

 

 

Rivelazioni, di Emanuela Nardi

Guarda il profilo

 

Gli sguardi, i sorrisi, gli incontri,
ormai anch’io ho rinunciato
ai miei inutili tentativi:
credevo di riuscire a sollevare
il velo mistico della finzione.
In quei pochi istanti in cui siamo insieme
frasi comuni e banali inibiscono
gli istinti che animano i nostri corpi.
Tu sei una belva ferita che fugge,
seduttore spavaldo, bugiardo, codardo,
abile costruttore di trame ordite
di parole senz’anima,
distruttore del sentimento,
giocoliere triste che
piange in silenzio,
sotto le lenzuola umide,
solitudini passate e presenti.
Io felice sognatrice,
fragile e forte,
amante illusa e delusa
dal tempo,
ho ancora il titanico coraggio
di non rinunciare alle mie passioni,
orgogliosa e tenace guerriera,
paziente.
Ho aspettato a lungo che tu mi rivelassi
il prezioso segreto che leggevo
di nascosto nelle profondità dei tuoi occhi.
Ti sei ricoperto del falso timore
di ferirmi, solamente per proteggere te stesso.
Tu credi davvero che la tua virtuosa rinuncia
non ci abbia negato uno squarcio di vita?
Ormai un anno lunare è trascorso,
è svanita la magia dell’attimo
fuggente.
Ed è tornata un’estate gelida
a velare il nostro scolorito desiderio
di amarci.