Menù principale

Racconti

Poesie

Pittori

Sculture

Musicisti e cantanti

Foto e fotografi

Fumetti

Dio e la fede

 

Consigli per scrittori

Consigli per gli aspiranti scrittori

Grammatica italiana

Agenzie letterarie

Case editrici per autori esordienti

 

 

Il poeta, di Emanuela Nardi

Guarda il profilo

 

O mio poeta che ti abbandoni al libero flusso dei pensieri
divinità dal vento ispirata sei il messaggero dei misteri

Ti sdegni di mischiarti alla vanità della bellezza
allontani da te questo triste tempo portatore d’amarezza

Sei puro come acqua limpida che scorre fino al mare
mai nessuno la forza arcana dei tuoi versi saprà domare

Amo il suono delle tue parole ma so che sono solo una chimera
perdonami, il mio maestro è il triste tempo: di lui sono prigioniera

Culli i tuoi sogni al riparo da ogni inganno: sei tu il poeta
io resto incatenata all’illusione della bellezza: sono l’esteta

 

 

Commenti

 

Lorenzo Ghionzoli - Martedi, 3 Giugno, 2008 alle ore 17:28:06

commento: Bella,bravissima...il poeta è un'ape schizzinosa che descrive il mondo...siamo quella parte della mente nascosta...siamo l'iceberg di freud....poeti...esistiamo ancora...finchè il libero pensiero sarà concesso noi vivremo...non abbiamo catene sociali....siamo i protettori di questo mondo sempre più apatico....abbiamo il compito di illuminare.....rendiamocene conto.

 

l'esteta 15 Aprile, 2008 alle ore 21:59:26

commento: ...Non ti riconosci nel poeta romantico di cui parlo? Non ci credo! Ma se vuoi te lo ripeto in prosa: tu hai ispirato i miei versi. A te sono dedicati.

 

Christian - Lunedi, 14 Aprile, 2008 alle ore 22:13:31

commento: bella! a quale poeta è dedicata? l'ultimo pezzo mi ricorda un verso di una canzone di lucio battisti scritta con pasquale panella: "l'artista non sono io/sono il suo fumista".