Menù principale

Racconti

Poesie

Pittori

Sculture

Musicisti e cantanti

Foto e fotografi

Fumetti

Dio e la fede

 

Consigli per scrittori

Consigli per gli aspiranti scrittori

Grammatica italiana

Agenzie letterarie

Case editrici per autori esordienti

 

 

Poesie di Edywild

Guarda il profilo

 

Canto d'amore

T i Amo Essere Gentile,
Che Per Te D’amor Muoio,
Ma Se Morir Proprio Devo,
Che La Morte Mi Giunga Dolce
Come Il Canto Delle Allodole
In Un’alba Di Primavera.
L’amica Notte Mi Consola
Col Suo Favore Penso A Te,
Che Dai Tuoi Occhi Son Lontana
E Dal Tuo Cuore Ancor Di Più.
Per Il Fato A Me Tanto Avverso
Giungono Lacrime A Tessere Il Mio Pianto,
Unico Sfogo Alla Mia Triste Vita,
Che Da Quando Te Ne Sei Andato

Resto Crisalide Nell’ Involucro Dei Miei Ricordi.

 

Il Castello del re barbone

 

NElla Luce Artificiale Dei Lampioni,
Le Panchine Si Trasformano In Antichi Castelli,
E Per Ogni Castello Il Re Ha Fame E Freddo.
Ha Lo Scettro Di Plastica E Il Mantello Di Stracci,
Ma La Luce Negli Occhi È Del Sognatore Errante,
E La Servitù Mille Illusioni Che Mai Lo Abbandonano.
Il Cuore Si Scalda,
Ma Il Corpo Freme
E Minacciosa È La Notte E Il Fiero Vento Incalzante.
La Luna È Sua Moglie,
E Le Stelle Brillano Solo Per Lui.
Piena È La Sua Anima Nel Vuoto Dei Suoi Giorni,
Poiché Mai Nessuno Lo Guarderà
Nei Sentimenti Di Una Lacrima Che Scende.
E Quando Il Sole Sorge Allora Si Alza E S’allontana,

Lasciando Il Castello Ad Un Altro Re Barbone.

 

 

Morte che vieni

 

C’è L’alone Invisibile Della Morte
 Che Mi Segue Silenziosa Nel Cammino Della Mia Vita.
 E Mi Soffoca Indispettita Per La Pienezza Dei Miei Giorni Di Sole,
 Mentre La Mia Anima In Pena Grida La Sua Sorda Voce
 E Muore Schiacciata Dalla Pesante Eternità.

MORTE OH MORTE!

 

Oh Morte Ti Ho Vista Passare Tra La Gente, Ma Non Ti Mai Veduta Veramente.
Tu Sei Spietata E Temuta Per Chi Mai Aspetta L’inevitabile Tua Venuta.
La Gente Lo Sa Che In Ogni Istante Puoi Colpire E Per L’eternità Il Corpo Ghermire.
Ma Dell’anima Cosa Te Ne Fai Se Sorridi Alla Tua Vittoria E Poi Te Ne Vai?
Sei Bella E Seducente Per Chi Soffre Una Depressione Latente
 E La Voglia Di Raggiungerti Supera Ogni Ostacolo
Per Chi Ti Invoca E Ti Venera Come Se Fossi Un Oracolo.
Cosa Nascondi Sotto Il Tuo Mantello?
Una Vita Meravigliosa O Un Maledetto Flagello?
Io Non Sono Pronta A Guardarti In Faccia
E Il Crepuscolo Della Mia Vita Ancora Non Conosco.
Ma Non Mi Faccio Beffe Di Te Oh Morte
Perché Anche Se Di Anime Perse Vai Sempre A Caccia,

So Bene Che Della Via Tu Sei L’altra Faccia.

 

 

Spina nel cuore

 

Vivo......
mi nutro di respiri, di vento..
di impalpabili emozioni.
Le tue braccia sono il mio tempio , il tuo sguardo il tridente che mi difende...
Così ti ricordo
nella mia memoria che come una rete si allarga a ricordi lontani..
E poi mi hai lasciata qui..
sola..
al buio
a guardare lo spettacolo della vita che si consuma prima della morte..
Una spina nel cuore
che sanguina silenzioso e invisibile..
portandosi via la giovinezza e tutto il mio mondo..
Il mio corpo...
è quercia..
rami e radici che aspettano in riva al mare l'amore perduto..
La mia bocca non parla più …. Non canta più..
sogni e incubi gli uni accanto agli altri in attesa di un segno
che mi liberi dall'agonia..
e questo male che mi divora
e come un serpente sibila..
e come il dolore..

perchè è il dolore che da solo mi tiene in vita..

 

Cogli l’attimo

Cogli l’attimo per guardare il cielo
Per fermarti e non pensare..
Cogli l’attimo per sorridere,
Cogli l’attimo per amare,
E se l’amore ti fa soffrire
Cogli l’attimo anche per quello …
Le stelle e il cielo sono distanti
Ma  li puoi raccogliere nel tuo cuore.
Se la vita ti sfugge di mano
Cogli l’attimo per riprenderla
Insegui pure dei sogni sbagliati
Prima o poi ti dovrai fermare
E sarà allora che vedrai l’attimo
E in quell’attimo vivrai.
Cogli l’attimo per guardare il dolore
L’altra inevitabile faccia dell’amore.

 

Infame amore

 

L’amore È Un’infamia,
Perché Giura Di Essere Eterno Quando Eterno Non È.
Oh Infame Amore,
Dalle Tue Viscere Sono Nata,
Della Tua Passione Colorasti Le Mie Guance,
Ed Io Ingenua
Del Tuo Manto Mi Vestii.
Oh  Infame Amore,
Perché Mai Non Mi Dicesti Allora Dei Tuoi Giochi Meschini?
Perché Lasciasti A Me Indovinare
Così Mestamenente Il Volto Tuo Spietato?
Non C’è Più Posto Per Me Nel Tuo Grembo,
A Pochi Eletti Concedi Il Tuo Prezioso Dono.
Ma A Me……
Mi Hai Trafitto Col Più Sottile Inganno,
A Me, Si,
Che Consacravo La Mia Anima Al Tuo Nome
Che Così Poco Ha Rispetto
Di Chi Può Morire In Seno Suo.
Oh Infame Amore,
Il Tuo Nome Indica La Vita
In Un ‘Essenza Che Tace Dolore.
Ti Ho Visto E Ti Ho Sentito
Oh Infame Amore,
Che Mi Lasciasti Cadere Misera Ai Tuoi Freddi Piedi,
Sicchè Solo Un Sibilo Percepii,
Vedendo Con Due Occhi Che Diventano Asole
La Tua Fredda Espressione
Che Ha Acuito Il Mio Tormento.

 

Pasqua di guerra

 

LA Tregua Dei Soldati È Una Scia Di Pensiero
Che Festeggia Col Fucile L’evento Della Pasqua.
Colomba Dell’amore,
Simbolo Di Pace,
Che La Guerra Porta Via In Un Cumulo Di Macerie.
Questa È Una Festa,.
Un Panorama Di Corpi Bruciati, Massacrati.
Con Lo Sguardo Di Chi Spera Che Tutto Cessi In Un Istante, Festeggiate.
Si Perde La Vita,
Si Perdono Gli Ideali,
Si Perde L’amore
Ma Si Acquista La Gloria.
E Nella Festa Della Mia Famiglia Intanto Prego,

Perché Torniate Vivi In Patria.

 

Vecchi

Vecchi,
Vecchi Che Ormai Hanno Fatto Il Tempo,
Che Al Mattino Si Recano In Chiesa E Sperano.
Vecchi Contenti Di Esserlo,
Vecchi Tristi, In Attesa Della Morte.
Vecchi Di Città, Di Paese,
Sguardo Opaco Di Un’età Avanzata.
Cullati Dai Ricordi O Colmi Di Rimpianto
E Di Tempo Ormai Ne È Passato Su Quelle Spalle Stanche.
Vecchi In Case Di Riposo, Dimenticati.
Vecchi Pazzi, Rinchiusi E Solitari.
Vecchi,
Che Nell’espressione Delle Rughe Hanno Una Vita Da Raccontare
E Che Prestano Il Cuore In Cambio Di Uno Sguardo.
Vecchi Assurdi, I Vecchi,

Che Sperano Di Vedere Il Sole L’indomani.

 

E fuori chi muore muore

 

Cosa Cambia Se Vivi O Muori?
Arriva La Guerra, Ci Porta Via, Chiama Il Nome Di Tutti Noi.
All’improvviso Il Sole È Lontano Come La Patria,
Non Si Ride e Non Si Dorme,
Non Ci Si Ama Più.
Sei Al Guinzaglio Come Un Cane E Il Tuo Boia Diventa Bestia.
Non C’è Più Un Dio Che Perdoni
O Bambino Che Abbia Paura.
Tutto Si Compie Per Quella Gente Che Non Ha Cuore
E Spezza L’animo Di Ognuno Di Noi.
La Tromba Del Capitano Suona
Ma Nella Musica Degli Spari Ti Imponi Di Non Pensare.
Ci Si Fa Saltare In Aria.
Viva La Guerra, È Per La Gloria.
Questo Vale La Vita Umana.
L’esercito È Distrutto
Per Una Guerra Infinita Che Ha Versato Solo Sangue
E Ha Segnato Distruzione.
Forse C’è Chi Finalmente Tornerà A Casa
Forse Ci Sarà Un Treno Carico Di Feriti Che Riabbraceranno La Patria,
Pensando A Vivere Tutti Gli Anni Più Belli,
E C’è Chi Non Tornerà Più,
Chi Avrà Sempre Un Fiore Deposto Nel Cuore Del Mondo,
Perché Purtroppo La Guerra È Figlia Dell’odio,
Ma Noi Siamo Figli Di Dio.

 

Per questa poesia un ringraziamento speciale al musicista di alto livello conosciuto in tutta la regione del Piemonte Roberto Russo, il quale ha collaborato alla stesura di alcuni versi..

Le cose di cui ho bisogno.

 

Ho bisogno di Dio,
di dormire sulla Sua mano
e di abbandonarmi serena protetta dalla Sua luce.
Ho bisogno di silenzio e di pace
e di staccarmi dal mondo per vedere la mia vita.
Ho bisogno di piangere, di liberare le emozioni
di urlare con quanto fiato abbia in gola
e di sorridere all'alba di un giorno di pioggia.
Ho bisogno di pioggia e di solitudine per saper amare,
e ho bisogno del mare intorno e di nesuno accanto.
Ma soprattutto.......,
ho bisogno di cadere

perchè soltanto cadendo riconosco Dio come mia forza.

 

 

Speranza

Ti Ho Cercato Inutilmente Da Una Vita
Nell’aria, Nel Vento,
Nel Tramonto Di  Una Sera Serena,
Nell’urlo Del Mare E Nel Silenzio Di Una Cattedrale.
Parlando Con La Luna,
Mi Accorgo Della Luce Immensa Che M’ Illumina.
Dimmi Oh Luna, Parlami,
Perché Io Possa Capire Se Mi Ama,
Se Nella Mia Vita C’è Un Posto Accanto A Lui.
Parlami Oh Luna,
Tu Che Ti Affacci Quando il Sole Muore,
Quando Le Stelle Ti Fanno Compagnia Nel Buio Della Sera.
Adesso Ti Vedo Luce Mia,
Nel Verso Di Una Stella Ti Sento
E Nell’infinito Universo Galleggi
Accanto Ad Immagini Senza Contorni.
Sei Vita, Amore, Certezza,
Oh Speranza,
Sei Tu La Mia Unica Stella. 

 

 

Petali

Petali Di Rosa Cadono,
Petali Rossi, Bianchi, Gialli E Rosa.
Petali Che Danzano In Balia Del Vento,
Petali Che Cadono Dal Cielo,
Dal Nulla….
Petali,
Che Mi Accarezzano, Mi Sfiorano,
Che Mi Parlano Di Un Linguaggio Antico.
Solo Petali Intorno A Me….
E Niente Altro.

 

A Roberto

Sei stato il sole,
hai illuminato la mia vita vuota con la tua luce..
Hai colto il mio fiore appassito e lo hai fatto rinascere..
Il tuo  amore mi cullava ed io mi addormentavo protetta
La tua forza era la tua dolcezza..

Poi la tempesta,
Ha piovuto sopra il nostro amore …
Ha piovuto tanto..
E con la pioggia le lacrime che non vedevi..
E rigavano il viso e rigavano il cuore
E non mi vedevi..

Dopo la pioggia il deserto..
Distese immense di giorni senza  gioia..
E vivi nel mio cuore …, 
La mia vita, la tua vita..
Cinque anni trascorsi a dividere speranze ,
A inseguire sogni..

Sogni  che non s’avverano..

Non c’eri più dentro i miei pensieri
Non urlavi e non bisbigliavi
Non camminavi più al mio fianco..
Ma vivi nel mio cuore …

Ho coltivato un giardino solo per te
Ma vieni di rado ad annaffiarlo
E vivi nel mio cuore..

Per assurdo stanno crescendo fiori
Bellissimi e profumati fiori
Che sbocciano al tuo cospetto..
Oggi…sono fiori aperti e bagnati di rugiada..

E più nitido che mai l tuo volto,
Più forte la tua voce,
Più acuto il tormento se mi separo da te.
Vorrei tirarti fuori dai miei sogni,
Concretizzarti..
Tendere le braccia e lasciarmi cadere ..

Ti vedo nell’invisibile etere
Dovunque vada
Nell’immensa pienezza del mio sentimento
Qualunque sia la meta..
Percorro la mia strada camminando sui tuoi passi
Ricalcando le tue orme
E sono felice..

Tanti volti di uomini ogni giorno ,
 Uomini che non conosco ,
Che non vedrò mai più,
Che hanno sfiorato solo un attimo della mia esistenza
nella casualità degli incontri

Ma è il tuo viso che desidero  vedere
I tuoi occhi scuri sui miei  innamorati 
Parole…, solo parole  d’amore fatte di silenzi
E che vorrebbero dirti:
Tutto il mio essere è casa tua …

 

Edywild