Menù principale

Racconti

Poesie

Pittori

Sculture

Musicisti e cantanti

Foto e fotografi

Fumetti

Dio e la fede

 

Consigli per scrittori

Consigli per gli aspiranti scrittori

Grammatica italiana

Agenzie letterarie

Case editrici per autori esordienti

 

 

Case editrici italiane

 

Case editrici per autori esordienti ed emergenti



una selezione di editori per aiutarvi a scegliere in questa giungla che è diventata l'editoria nostrana!


Condividi



Per venire incontro alle esigenze dei tanti scrittori esordienti e non, abbiamo redatto un elenco di case editrici che pubblicano narrativa, saggistica e manuali. Sono anche presenti editori che pubblicano poesia, cosa decisamente rara da trovare ai giorni nostri. Grazie al nostro elenco speriamo che possiate trovare l'editore giusto per le vostre esigenze editoriali. Buona fortuna!



Troverete una loro ampia descrizione con l’aggiunta di un'intervista al direttore editoriale o ad uno dei responsabili interni. Per ogni altra informazione, cliccare sul link di ogni casa editrice per accedere al relativo sito web dell’editore verso il quale siete interessati.


----------------------------------------------------------

Destare l’attenzione di una casa editrice


Siamo giunti al punto più importante: incuriosire chi vi legge. Nelle redazioni delle case editrici, come precedentemente affermato, arrivano ogni anno centinaia se non migliaia di manoscritti. Perché un editore dovrebbe soffermarsi proprio sul vostro, soprattutto se siete dei perfetti sconosciuti? Evidenziate quindi delle particolarità che possano attirare attenzione. Far forza su un particolare che renda il vostro romanzo originale, differente dagli altri, è l’unico modo per far sì che un editore serio vi prenda in considerazione. Come affermato nel capitolo “Come scrivere un romanzo”, chiedetevi se la vostra opera possa rappresentare un arricchimento del patrimonio letterario del nostro paese. Dovete, in buona sostanza, sottolineare l’elemento diciamo così stravagante, particolare, che faccia diventare la vostra opera differente dalle altre (in caso lo sia sul serio: ovvio che, in caso abbiate scritto una storia realmente banale, sarà molto difficile trovare l’elemento che potrà distinguerla da tutte le altre). Molto spesso, dei romanzi sembrano uguali a tanti altri, a storie già scritte e sentite più volte. Invece, leggendone bene soprattutto il finale, si scorge un elemento unico nel suo genere.

Tuttavia, non cercate di rendere il vostro stile o la vostra opera eccessivamente stravagante; il tentativo di essere originali a tutti i costi, potrebbe andare a scapito della trama della vostra storia, rendendola incomprensibile. Un eccesso poi di eccentricità nel vostro stile, potrebbe non trovare nel lettore della casa editrice la giusta comprensione e diventare, anzi, elemento di derisione nei vostri confronti. Alle volte, anche se non sempre, bizzarrie narrative di vario genere, l’andare controcorrente, il creare qualcosa di eccessivamente strambo e contro ogni regola, è concesso solo ai grandi nomi, e non a perfetti sconosciuti. Quindi siate spontanei, se il vostro stile è genuinamente originale e particolare, allora va bene e tanto di guadagnato per la vostra opera, ma non sforzatevi mai di essere quello che non siete o di scrivere in un modo che non vi appartiene, rischiereste solo di incasinare il risultato finale. È l’idea di base che deve essere spontaneamente nuova e originale, fin dal primo concepimento. Il rendere la vostra opera particolare e unica, non dovrà mai diventare uno sforzo estremo per voi, il tutto dovrà invece partire in maniera naturale.